Cuil? A me non dispiace!

Eilà, un saluto a tutti!
Dopo l’interessante post di Simona ho deciso di andarmi a vedere Cuil.

IL progetto è stato creato per funzionare bene con termini inglesi e le critiche che vengono dall’Italia come al solito mi fanno un po’ sorridere ma anche pensare.

Siamo un popolo Italia centrico e purtroppo non ci siamo ancora resi conto che internet e Italia c’entrano come i cavoli a merenda.
Tutte le tecnologie, le idee e le innovazioni sono pensate da chi ha creato internet e quindi il mondo anglosassone.
Quindi non cercate termini come “auto usate” in Cuil, troverete risultati deludenti.
Qando ho provato invece con un termine generico come “marketing“, questo ha dato interessanti risultati:

Se provate, potete vedere alcuni interessanti tab in alto con derivazioni del termine marketing, oltre a un “explore by category” a destra molto utile. E poi le anteprime dei siti e la descrizione è molto completa.

Questo fa di Cuil un buon strumento per fare ricerche alternative.

Ovviamente il grosso errore di analisi è stato accumunare Cuil a Google, pensando a quest’ultimo come un motore di ricerca.

E’ da diverso tempo che Google non è più come noi lo riteniamo, ma ve ne parlerò un’altra volta…

Come si dice in rete, stay tuned!

Ciao
Andrea Berselli